Innovazione tecnologica in viticoltura con GrapeDSS

vigneto
Federica FerroniDottore in Sviluppo rurale sostenibile

La coltivazione della vite, sia essa destinata alla produzione di uva da tavola o alla vinificazione, ha inizio alla fine della preistoria con la comparsa della civiltà. Nel corso di millenni le mutazioni sono state notevoli, sia in termini di varietà che di tecniche di coltivazione.

Oggi le sfide da affrontare sono numerose: i repentini cambiamenti climatici rendono difficile la difesa e la prevenzione da eventi dannosi come grandine, gelate e fitopatie; di conseguenza diventa sempre più complicato produrre un vino di qualità, nel rispetto dell’ambiente.

Il ruolo delle innovazioni tecnologiche in viticoltura è proprio quello di supportare le aziende nel gestire il vigneto e incrementare qualità e quantità dell’uva e del vino.

GrapeDSS è la soluzione di Agricolus pensata per le esigenze specifiche della vite durante tutta l’annata agraria.

Durante la ripresa vegetativa

Questa fase è particolarmente delicata per la vite poiché segnata dal cosiddetto pianto, dovuto alla riattivazione del metabolismo degli zuccheri e della respirazione cellulare.

Indici di vegetazione su vigneto

Indici di vegetazione su vigneto

È quindi utile monitorare lo stato di vigoria della coltura, utilizzando le immagini satellitari e gli indici di vegetazione forniti ogni 2-5 giorni (da Sentinel 2) all’interno della piattaforma. Tali indici rendono possibili:

  • interventi più precisi e mirati
  • riduzione del numero di osservazioni in campo.

Inoltre, in questo periodo, è fondamentale organizzare e calendarizzare le operazioni da svolgere nel vigneto: la funzionalità “Lavoro” permette di registrare le operazioni colturali e gestire le attività con i propri collaboratori.

Durante la fase produttiva

Questa fase condiziona sia la quantità che la qualità del prodotto finale. Intervenire tempestivamente per contrastare fitopatie e insetti dannosi è possibile grazie ai modelli previsionali.

Modello previsionale per Tignoletta della vite

Modello previsionale per Tignoletta della vite

GrapeDSS fornisce simulazioni sulle infezioni primarie e secondarie di Peronospora (Plasmopara viticola) basate sul rilievo dei parametri meteorologici e colturali; un modello fenologico della Tignoletta della vite (Lobesia botrana) in grado di simulare lo sviluppo delle generazioni che si compiono nel corso della stagione e la progressione delle varie fasi all’interno di esse; modelli che forniscono indicazioni sul rischio dello sviluppo di malattie fungine come Oidio (Uncinula necator) e Muffa grigia (Botrytis cinerea).

Tutti i dati raccolti in campo dai tecnici vengono integrati ai modelli previsionali per fornire un valido supporto alle decisioni prese quotidianamente.

In prossimità della vendemmia

Mappare i rilievi del grado zuccherino direttamente in campo e controllare l’andamento dei parametri qualitativi della vendemmia è necessario per ottimizzare i momenti della raccolta e ottenere vini eccellenti in ogni annata.

Tecnico in vigneto con smartphone

Le curve di maturazione si trovano all’interno della funzionalità “Monitoraggio qualità”: essa è in grado di convertire il grado zuccherino tra le diverse unità di misura, oltre a calcolare un indice di maturazione e stimare l’alcol potenziale che si otterrà durante la vinificazione.

La funzionalità “Monitoraggio quantità” permette invece di inserire informazioni sul numero e il peso dei grappoli e stimare un eventuale diradamento in base alla resa attesa.

GrapeDSS rappresenta un efficace strumento per la raccolta di numerosi dati e per la traduzione di questi in informazioni essenziali nel processo decisionale.

Vuoi conoscere le funzionalità specifiche per il vigneto di GrapeDSS?