Agricolus APIs Imagery

sei in: Home / Soluzioni / Agricolus APIs Imagery

Agricolus APIs Imagery

Semplifica l’integrazione con i servizi che offri ai tuoi clienti

Le APIs Imagery di Agricolus sono librerie che ti permettono di integrare facilmente la tua offerta con l’elaborazione di indici di vegetazione, la creazione di mappe di prescrizione e l’individuazione di zone di gestione ottenute da immagini satellitari. 

Come funzionano le APIs Imagery

Come funzionano le APIs Imagery diagramma

Il processo di elaborazione delle immagini satelliari viene effettuato internamente dal team di Agricolus. Partiamo da dati satelliari raw sui quali facciamo una pre-elaborazione per escludere le aree non agricole, seguendo poi queste fasi:

  1. Calcolo degli indici: gli indici vengono calcolati utilizzando algoritmi specifici.
  2. Normalizzazione degli indici: è possbile effettuare un ridimensionamento degli indici tra il valore minimo e massimo in un’area definita dall’utente per migliorarne la visualizzazione esaltando la variabilità locale.
  3. Ricampionamento degli indici: il ricampionamento rende possibile una migliore visualizzazione della distribuzione spaziale degli indici.

Mappe di prescrizione

Le mappe di prescrizione sono uno strumento dell’agricoltura di precisione che permette di eseguire concimazioni rateo variabile: ottimizzare la dose di concime, associando a ciascuna zona del campo la quantità più adatta.

La concimazione a rateo variabile si basa sulla suddivisione del campo in zone omogenee a cui somministrare la stessa dose di concime.

Agricolus propone un’innovativa modalità di definizione delle zone: partendo da un indice di vegetazione come l’NDVI, l’algoritmo definisce sulla base di un indice statistico il numero massimo di zone in cui è significativo suddividere il campo e i valori di ogni zona.

mappa-di-prescrizione_legenda
Area del campo e dose media nutriente da utilizzare

Zone di gestione dei seminativi

Partendo dai dati storici di un indice di vegetazione o da mappe di resa, possiamo sviluppare mappe tematiche, con l’obiettivo di identificare le zone stabili e instabili del campo e le caratteristiche ricorrenti di ciascuna zona, ovvero quelle difficilmente variabili a causa di stress temporanei. 

Zone-di-gestione-basate-su-NDVI​
Zone-di-gestione-basate-su-NDVI​
Zone-di-gestione-basate-su-resa
Zone-di-gestione-basate-su-resa